Creating filtered version of banner image.

News

Ten Years Of Didascalis: get it for free

 

ENGLISH BELOW

"Ten Years Of"  è il best of che riassume 10 anni di carriera di Didascalis.

Il sito ufficiale non credo sia molto visitato, ma, per coloro che capitano qui, voglio regalare l'album, che troverete al link cliccando sulla foto.

Se vi piace, fatelo ascoltare a qualcuno che non conosce Didascalis; è un modo di dire grazie.

Buon ascolto.

 

"Ten Years Of"  is the best of which sum up a 10 years of Didascalis career.

I don't think my official site is really visited, but, for those who stumble here, I want to give the album for free, which you'll find it at the link by clicking on the picture.

If you like it, let it listen to someone who does not know Didascalis; it's a way to say thank you.

Enjoy.

LIFE IS A TAPE 2007 - 2017: collection-non-collection

 
ENGLISH BELOW
Bene, è tempo di dare qualche anticipazione.
Avevo intenzione di pubblicare un 'best of' per i 10 anni di carriera, e come ogni raccolta che si rispetti, avrebbe dovuto includere qualche inedito, o versione alternativa.
Ho cominciato a raccogliere qualche traccia, rimasterizzarne qualcuna, scavato gli archivi cercando materiale non pubblicato, e alla fine della fiera mi son ritrovato con ben 11 tracce. Praticamente un album.
D'accordo con la mia etichetta, ho acccettato il suggerimento di aggiungere un altro paio di brani, e pubblicare la prosima uscita come 'album', per non confondere e svalorizzare il materiale nuovo, mentre il 'best of' uscirà più avanti verso fine anno.
Entrambi sempre e solo in digitale, l'album su tutte le piattaforme di download e streaming, mentre il 'best of' solo per iTunes ad un prezzo molto ridotto.
'Life Is A Tape 2007 - 2017' non sarà un vero e proprio album come ho concepito "23:32" e la tracklist sarà composta da:
- una suite di 12 minuti che non ho mai avuto il coraggio di pubblicare
- la versione originale di 'Springtime', finora disponibile solo nella versione 'Remix'
- 2 covers pubblicate lo scorso anno in "Papeetecafé Saudade" più un'altra cover che non trovò spazio nella tracklist della medesima
- 2 brani strumentali con Andy G, parte di 4 esperimenti, dei quali uno, "Essence" è stato da poco pubblicato da Lounge Masters.
- 1 brano rimasterizzato ed 1 rimasterizzato e rivisitato dal primo album 'Beautiful Memories...'
- una nuova versione di 'Basically I'm Fine'
- 1 brano che era inizialmente strumentale destinato ad un progetto pubblicitario e che ho trasformato in canzone
- 1 brano che arriva alla sua terza veste
- Ed infine una traccia composta ancora prima che Didascalis pubblicasse ufficialmente qualcosa, risalente addirittura al 2003, ma mai realizzata in studio fino ad oggi.
Quindi posso dichiarare che il settimo album sarà una raccolta-non-raccolta, con il sound ed il sapore che contraddistingue le mie ultime produzioni.
Dimenticavo: si chiamerà 'Life Is A Tape 2007 - 2017' perché contiene anche una nuova versione, quasi acustica, di 'Life Is A Tape', con la partecipazione di Garduz - che da quando suona live con me, adora questo brano-, e cantato da Mary.
In fondo, credo che il testo di 'Life Is A Tape' sia una delle cose più profonde ed originali che abbia mai scritto.
P.S. Come al solito, ogni brano sarà accompagnato da un post con una sua descrizione e storia che lo riguarda.
P.P.S. Sarà un album molto più downtempo di quanto avrei voluto, quindi:
relaaaaaaaaax
D
Well, it's time to give some anticipation.
I was going to release a 'best of' for the 10 year career, and as any collection that respects, it should have included some unreleased or alternative versions.
I started collecting some tracks, remastering some of them, digging the archives for unreleased material, and at the end of the day I found myself with 11 tracks. Virtually an album.
Agreed with my label, I've welcomed the suggestion of adding another couple of songs, and put out next release as an 'album', not to confuse and surrender the new material, while the 'best of' will be out later this year.
Both always and only in digital, the album on all download and streaming platforms, while the 'best of' only for iTunes at a very low price.
'Life Is A Tape 2007 - 2017' will not be a real album as "23:32" was conceived and the tracklist will consist of:
- a 12 minutes suite I never dared to release before
- the original version of 'Springtime', so far only available in 'Remix'
- 2 covers released last year in "Papeetecafé Saudade" plus another cover that did not find room in the tracklist of the same
- 2 instrumental tracks with Andy G, part of 4 experiments, one of which, "Essence" has recently been released by Lounge Masters.
- 1 remastered track and one remastered and revisited from the first album 'Beautiful Memories ...'
- a new version of 'Basically I'm Fine'
- 1 track that was initially instrumental for a commercial project and I turned it into a song
- 1 song that comes to its third garment
- And finally a track composed yet before Didascalis released something officially, even dating back to 2003, but never done in the studio to this day.
So I can say that the seventh album will be a collection-non-collection, with the sound and flavor that distinguishes my latest productions.
I forgot: it will be called 'Life Is A Tape 2007 - 2017' because it also contains a new, almost acoustic version of 'Life Is A Tape', featuring Garduz - who since playing live with me, adores this song, and sang by Mary.
After all, I think 'Life Is A Tape's' lyrics are one of the deepest and most original things I've ever written.
P.S. As usual, each track will be posted along with a description and a story about it.
P.P.S It will be a more downtempo album than I wished, so: relaaaaaaaax
D

23:32 Traccia per traccia / Track by track

 

 


23:32 traccia per traccia.


Breve introduzione:
23:32 è il mio sesto album, e ho come l'impressione che chiuda la seconda trilogia di una serie di lavori. Beatiful Memories, Loss e Basically I'm Fine (i primi tre album) furono realizzati in una determinata maniera, con a disposizione certe tecnologie. Poi il passo, la crescita, e forse, 23:32 è il più maturo degli ultimi tre lavori assieme a Enjoy My Wrong Shoes e Me, Myself & Someone Else. La necessità di collaborare con altri musicisti, che ormai fanno parte di Didascalis, anche se non ufficialmente, ma al contempo la necessità di ritrovare quel che era Didascalis in origine, ovvero un progetto frutto della mia mente, fanno di 23:32 a mio parere l'album perfetto, frutto di un cammino e di una crescita musicale, che non so dove mi porterà, ma che per il momento segna un ultimo e momentaneo tassello nella mia discografia di cui andarne fiero. Un po' presuntuoso, ma un amico una volta mi disse “bisogna sempre ragionare 'in grande'!”, e nel mio “piccolo” cerco di seguire quel suo consiglio.

 

BLACK, BLUE, RED (feat. Garduz)Ho sempre invidiato coloro che riescono a scrivere un brano con parti diverse tra loro, ma sullo stesso giro di accordi. Stavolta posso dire di esserci riuscito. Il testo, scritto per qualche provino non andato a buon fine e per chissà chi, l'ho adattato ad una sequenza di accordi che ricorda un po' gli Incognito o Brand New Heavies (precursori dell'Acid Jazz), e vuoi non corredare questo sound fresco con un bel sax aggressivo? Il compito è toccato a Luca Gardini, virtuoso musicista scoperto negli ultimi anni, che si insinua nelle tessiture dei miei brani in maniera egregia.

 

SURRENDER (feat. Andy G, Frensy & Henrique Pirai)Perché riarrangiare una cover? Perché si ama un brano a tal punto da dire “avrei voluto scriverlo io!!”, e quindi si prova a dargli una nuova veste come se ne fossimo gli autori. In tutti i brani ho cercato due comuni denominatori diversamente dagli approcci precedenti: rimanere più alto in bpm (brani più veloci) e cercare di non ripetere i suoni, se possibile anche all'interno dello stesso brano. “Surrender” è una canzone degli Swing Out Sister che ad oggi mi fa sognare, quindi ho sfoderato una produzione degna di una sua sostituta, chiamando Andrea Guerrini che ha trasportato di tonalità in maniera impeccabile le sezioni dei fiati, Francesca Castorri, già co-protagonista in diversi brani di “Enjoy My Wrong Shoes” a fare da corista, e un sapore esotico di flauto traverso grazie ad un “amico” direttamente dal Brasile, che non conosco di persona, ma che il caso ha voluto lavorasse per un'azienda italiana e quindi conoscitore della mia lingua, e, produttore anch'egli di musica lounge; un gradito scambio di favori con Henrique Pirai da Rio De Janeiro. Amante delle versioni live, ho preso in prestito l'idea per l'intro e l'outro del brano dagli Swing Out Sister quando lo eseguono in concerto.

 

FEET IN THE SAND
Quando qualcuno mi parla di chillout, che poi è il seme da cui è nato Didascalis, io mi immagino una spiaggia, il tramonto, un pianoforte e dei suoni morbidi, uniti all'elettronica con una manciata di accordi. Due per l'esattezza. Se cercate la mia “anima musicale”, beh, in questo brano la trovate. Da ascoltare in riva al mare arricciando le dita dei piedi nella sabbia.
CANTALOUPE ISLAND (Andy G Revisited)
Una cover la si può fare anche di un brano strumentale, e ancor più famosa dell'originale di Herbie Hancock (perché l'ha composta lui), è quella di metà anni 90 degli US3. Forse Andrea (Guerrini) me la propose per il nostro latitante D.A.F. Project, non ricordo bene quando, come se fosse una sfida: una successione di 4 accordi, ma usandone solamente 3, così da formare una sequenza 1-2-3-1, 2-3-1-2, 3-1-2-3, etc etc... La magia e l'etereità di questo brano sostenute da una groove incalzante fanno da tappeto alla maestria di Andy in tutte le sue sfumature di musicista, arrangiatore, padrone della tromba e di tutte le sue varianti.

 

CAN WE STILL BE FRIENDS (feat. Andy G & Frenky)

Prima che la tv fosse sovraccaricata di “Serie Televisive” c'erano i “telefilm”, e una serie che ho amato era su questo studio di avvocati strampalati, la cui protagonista era Ally McBeal. Spesso dopo il lavoro si trovavano in un pub a bere, festeggiando una vittoria o affogando i dispiaceri nell'alcool, e Vonda Shepard era la pianista cantante di questo pub. Ogni tanto eseguiva brani originali, altre volte cover, e mi innamorai di questo brano, credendo fosse suo, sentito durante un episodio. L'ho risentito in seguito durante un Live From Daryl's House eseguito da Daryl Hall con la sua band, e finalmente ho scoperto chi avesse scritto questa melodia splendida: Todd Rundgren. Impossibile non farne una cover in stile Didascalis. Rundgren fondamentalmente è un rocker, ho quindi voluto infrangere la regola del lounge o chillout - mantenendo la tromba aperta e muta di Andy negli inserti in ¾ - inserendo un solo finale di chitarra elettrica da pelle d'oca, grazie a Marco Franchini, che ha suonato 3 takes: il primo di prova, i secondi due, uno talmente più bello dell'altro che ho dovuto sceglierne metà e metà da inserire in questo brano. Forse la traccia più elegante dell'album.

 

DO YOU LIKE IT?
Chi segue il mio programma Good Vibes Resort, sa bene della mia passione per due duo (ahahahahah... gioco di parole!): dZihan & Kamien e Tosca (Rupert Huber e Richard Dorfmeister), e confesso che mi intrigano quei brani in cui si dice tutto dicendo niente; un paio di accordi che si rincorrono da capo a fondo, giochi di atmosfere, cupe per di più... Però non sono bravo come loro a dare un'identità ad un brano anonimo, quindi ho inserito elementi che contraddistinguono il mio modo di comporre (un 'tema' ad esempio...). Comunque sia l'ispirazione palese è tratta da quei genii. Il titolo è un'ipotetica domanda rivolta alla voce che si sente da metà brano in poi, e a quel che si possa immaginare stia facendo... ;-)

 

POLICY OF TRUTH
“Enjoy My Wrong Shoes” fu un album omaggio ai Depeche Mode, e la scelta dei brani per la tracklist aveva un suo senso. Ciò nonostante, ci sono brani che furono esclusi, ma l'amore per “Policy Of Truth” va oltre le scelte prese in passato. In tutta onestà, credo che avrei fatto la cover di questo brano anche se non fosse stato scritto da Martin Gore: mi sono ritrovato una sera a cantarla sulla sequenza di accordi che ho utilizzato per questa mia interpretazione, e semplicemente doveva essere così...

 

A NEW SUNRISE
Il fascino per le voci etniche colpisce ancora, e sinceramente mi dispiace non avere idea di quel che dica la bellissima voce che guida questo viaggio attraverso una nuova alba in una località imprecisata dell'India. L'arte del contrappunto consiste nel fare coesistere più melodie e temi all'interno dello stesso brano, in maniera indipendente tra loro, ed è quel che succede tra la voce, la chitarra classica e i vari synths. Chiudete gli occhi e lasciatevi trasportare.

 

RADIO SIGNALS (feat. Andy G)
Un amico mi ha segnalato un album di un produttore dicendomi che ogni brano era costituito solo da 'samples' (ovvero parti audio non suonate ma assemblate), e ho voluto provare a vedere se riuscivo anch'io in questo. Ed ovviamente vi sono riuscito in parte. Per me, suonare, oltre ad essere fondamentale, è proprio un istinto che non riesco a non ascoltare, o meglio, non trovando tra i 'samples' a disposizione quello che il cervello mi suggerisce, sento la necessità di crearmelo! Ma, ho usato un take non utilizzato di Andy G per “Can We Still Be Friends” a mò di sample... (e sveliamoli questi altarini ^_^....)

 

NEW YEAR'S DAY
Per un paio di volte ho pubblicato un paio di singoli durante il periodo natalizio. Il periodo più vicino a quello natalizio è l'inizio dell'anno. Nel 2015, pubblicato “Last Christmas” ho iniziato subito a pensare su quale brano sarebbe caduta la scelta per il 2016, ed inevitabilmente ho pensato alla canzone degli U2. Spesso vengo colto da smania, e non riesco ad aspettare un momento preciso per fare qualcosa. Mi sono ritrovato con questa versione finita, in anticipo di un anno! Ho invertito le parti, suonando nel riff quel che nell’originale sarebbe suonato dal pianoforte, con una chitarra classica, e affidato ai synths l'assolo di The Edge, talmente emblematico da risultare un tema più che un assolo.

 

FOREVER YOURS, FOREVER MINE (feat. Frensy & Daniele ‘Dano’ Caprelli)
Non so bene perché, ma nel corso degli anni, una delle tracce strumentale preferite da tanti è diventata “Together” - nella sua prima versione, tra l’altro inclusa in nessuno dei miei album. Sentivo che le mancava qualcosa, quindi quando l’ho pubblicata in “Loss”, ho fatto aggiungere il sax soprano da Dano, e, la voce in un cameo centrale, da Erika Tozzi. “Forever Yours, Forever Mine” è la sua cugina, utilizzando al contrario di “Together”, la voce, come se fosse un ‘riff’ strumentale che si ripete, affidata a Francesca Castorri, e ricercando le stesse atmosfere di Together col sax soprano di Daniele, dando un sapore positivo all’atmosfera con gli accordi maggiori e con l’augurio del breve testo che in tanti forse sperano, cercando/trovando la propria persona: “Per sempre tuo, per sempre mia, nulla cambierà, staremo benissimo”.

 

WE’LL NEVER KNOW (feat. Garduz & Eri Ka)
Solitamente l’ultima canzone di un album, è quella che chiude in bellezza e ti fa venir voglia di riascoltarlo da capo per intero, e le ‘ballads’ son quelle che mi riescono meglio. Un punto interrogativo grande come una casa tra due persone che per svariati motivi, nonostante l’attrazione e le affinità, non possono stare insieme, e ci si chiede come sarebbe stato (vivere insieme) ma non lo sapranno mai. Luca da il meglio di sé in un assolo di sax tenore, che si dipana tra progressioni armoniche mai scontate, e Erika Tozzi, piazza una suo bellissimo cameo vocale a chiusura del brano, come se fosse l’altro punto di vista, quello di “lei”.
Io ho già detto quel che ne penso; non mi rimane che augurarvi ‘Buon Ascolto’, sperando vi dia le stesse sensazione che io provo… D

 

https://itunes.apple.com/it/album/23-32/id1118133626

https://didascalis.bandcamp.com/album/23-32 high quality mp3, FLAC, WAV, ogg, etc & CD

23:32 Track by track

Brief introduction:

23:32 is my sixth album, and I have the impression that it closes the second trilogy of a series of works. "Beatiful Memories", "Loss" and "Basically I'm Fine" (the first three albums) were made in a certain way, with certain technologies available. Then the step, the growth, and perhaps, 23:32 is the most mature of the last three works together with "Enjoy My Wrong Shoes" and "Me, Myself & Someone Else". The need to collaborate with other musicians, who now are part of Didascalis, though not officially, but at the same time the need to regain what was originally Didascalis, which is a project fruit of my mind, make of 23:32 in my opinion the perfect album, fruit of a journey and a musical growth, I do not know where it will take me, but for now marks a last, fleeting element in my discography of which being proud. A bit presumptuous, but a friend once said to me "do always think big!", And in my "little" I try to follow his advice.

 

BLACK, BLUE, RED (feat. Garduz)
I have always envied those who can write a song with different parts to each other, but on the same chord progression. This time I can say I succeeded in doing it. The lyrics, written for an umprobable audition went bad and who knows for who, I have adapted to a chord sequence that reminds me Incognito and Brand New Heavies (Acid Jazz precursors), and why not accompany this fresh sound with a nice aggressive sax solo? The task fell to Luca Gardini, virtuoso musician discovered in recent years, which creeps into the textures of my songs beautifully.

 

SURRENDER (feat. Andy G, Frensy & Henrique Pirai)
Why re-arrange a cover? Because you love a song to the point of saying "I wished I wrote it !!", and then try to give it a new look as if I was the author. In all the songs I tried two common denominators unlike previous approaches: to remain higher in bpm (faster songs) and try not to repeat the sounds, if possible within the same track. "Surrender" is a song by Swing Out Sister which still makes me dream, so I unsheathed a production worthy of a substitution, calling Andrea Guerrini which transported impeccably in new key the horn sections, Francesca Castorri, former co-starring in several tracks from "Enjoy My Wrong Shoes" to act as a backing vocalist, and an exotic flavor traverso flute, thanks to a "friend" all the way from Brazil, who I don't personally know , but as fate he worked for an Italian company so connoisseur of my language, and a welcome trade-off with lounge music producer Henrique Pirai from Rio De Janeiro. Being a lover of live versions, I borrowed the idea for the intro and outro of the song by Swing Out Sister when they perform in concert.

 

FEET IN THE SAND
When someone talks to me about chillout, then that is the seed from which Didascalis was born, I figure out a beach, a sunset, a piano and soft sounds, combined with electronics and a handful of chords. Two to be exact. If you look for my "music soul", well, in this track you can find it. To listen to the sea curling your toes in the sand.

 

CANTALOUPE ISLAND (Andy G Revisited)
You can make a cover of an instrumental track too, and even more famous than the original by Herbie Hancock (because he composed it), is the mid 90s one of US3. Maybe Andrea (Guerrini) proposed it to me for our fugitive D.A.F. Project, I don't exactly remember when, as if it was a challenge: a succession of four chords, but using only 3, so as to form a sequence 1-2-3-1 , 2-3-1-2, 3-1-2-3, etc etc ... The magic and the ethereality of this song backed by a relentless groove to form a carpet for Andy craftsmanship in all its shades of musician, arranger, master of the trumpet and all its variants.

 

CAN WE STILL BE FRIENDS (feat. Andy G & Frenky)
Before the TV was overloaded with "TV Series" were the "show", and a series that I loved was on this study of crazy lawyers, whose main character was Ally McBeal. Often after work they were in a pub drinking, celebrating a victory or drowning their sorrows in alcohol, and Vonda Shepard was the pianist singer of this pub. Now & then performing original songs, sometimes covers, and I fell in love with this song, thinking it was of her, heard during an episode. I heard it again in a Live From Daryl's House run by Daryl Hall with his band, and I finally found out who had written this beautiful melody: Todd Rundgren. Impossible not to make a cover in Didascalis style. Rundgren is basically a rocker, so I wanted to break the rule of chillout lounge - keeping Andy open & muted trumpet in the inserts in ¾ - but inserting one goosebumping electric guitar solo, thanks to Marco Franchini, who played 3 takes: the first to rehearse, the others two, one so much more brilliant than the other, I had to choose half and half of each other to be included in this number. Perhaps the most elegant album track.

 

DO YOU LIKE IT?
Those who follow my program Good Vibes Resort, knows of my passion for two duo (ahahahahah ... pun intended!): dZihan & Kamien, and Tosca (Richard Dorfmeister and Rupert Huber), and I confess that intrigue me those songs where it says it all, by saying nothing; a couple of chords that run from start to end, mostly games of atmospheres, dark for more ... Anyway I'm not as good as them to give an identity to an anonymous song, and then I added elements that distinguish the way I compose (a 'theme' for example...). But the blatant ispiration is taken from those geniuses. The title is a hypothetical question posed to the voice you hear from mid-song onwards, at which you can imagine she is doing ... ;-)

 

POLICY OF TRUTH
"Enjoy My Wrong Shoes" was an album tribute to Depeche Mode, and the choice of songs for the tracklist had its way. Nonetheless, there are songs that were excluded, but the love for "Policy Of Truth" goes beyond the choices made in the past. In all honesty, I think I covered this song even if it hadn't been written by Martin Gore: I found myself one evening singing on the chord sequence that I used for my interpretation, and simply had to be so ...

 

A NEW SUNRISE
The fascination for ethnic voices strikes again and sincerely I'm disappointed to have no idea what the beautiful voice is saying, and that guides this journey through a new dawn in an unspecified location in India. The art of counterpoint consists in making coexist more melodies and themes within the same track, independently of each other, and that is what happens between the voice, the classical guitar and the various synth. Close your eyes and let yourself go.

 

RADIO SIGNALS (feat. Andy G)
A friend told me of an album of a producer, saying that every song was made only of 'samples' (i.e audio parts assembled but not actually being played), and I wanted to try to see if I could make it. And of course I succeeded in part. For me, playing as well as being fundamental, is just an instinct that I cannot not listen, or rather, not finding among the 'samples' available my brain suggests, I feel the need to play them myself! However, I used a Andy G unused take for "Can We Still Be Friends" as a kind of sample ... (let's unfold these secrets ^ _ ^ ....)

 

NEW YEAR'S DAY
For a couple of times I have released a couple of singles during the Christmas season. The closer to the Christmas period is the beginning of the year. In 2015, once released "Last Christmas" I immediately started thinking which track I choosed for 2016, and inevitably I thought of the U2 song. I am often seized with frenzy, and I can't wait a percise moment to do something. I found myself with this finished, in advance of a year! I reversed the instruments parts, playing the original piano riff with a classical guitar, and entrusted to the synths The Edge solo, so iconic as to be a theme rather than a solo.

 

FOREVER YOURS, MINE FOREVER (feat. Frensy & Daniel 'Dano' Caprelli)
I do not know why, but over the years, one of the favorite track and instrumental for many has become "Together" - in its first version, among other things not included in any of my albums. I felt that something was missing, so when I released it in "", I did add the soprano sax from Dano, and the voice in a central cameo by Erika Tozzi. "Forever Yours, Forever Mine" is its cousin, using as opposed to "Together", the voice, as if it were an instrumental 'riff' that is repeated, headed by Francesca Castorri, and seeking the same atmospheres of "Together" with Daniele sax soprano, giving a positive flavor to the atmosphere with major chords and with the hope of short lyrics many people hopes, searching / finding his own person: "forever yours, forever mine, nothing will change, we'll just be fine. "

 

WE'LL NEVER KNOW (feat. Garduz & Eri Ka)
Usually the last song of the album, is the one that ends happily and makes you want to hear it all over again, and 'ballads' are those who succeed me better. A question mark as big as a home between two people who, for various reasons, despite the attraction and affinity, can not be together, and one wonders how it would be (living together) but they'll never know. Luca gives his best in a tenor sax solo that unfolds between harmonic progressions never predictable, and Erika Tozzi, place her own beautiful voice cameo at the end of the song, as if it were the other point of view, the one "of her".
I have already said what I think; I can only wish you 'Enjoy your listening', hoping it will give you the same feeling that I feel ... D

 

https://itunes.apple.com/it/album/23-32/id1118133626

https://didascalis.bandcamp.com/album/23-32 high quality mp3, FLAC, WAV, ogg, etc & CD

BLACK, RED, BLUE Digital Single

 

English version below

Forse i tempi, per maturare necessitano di tempo, e forse io ho i miei di tempi.
Per la prima volta pubblico come singolo - il secondo prima dell'album "23:32" - un mio brano.
Nel corso degli anni ho scritto tantissimi testi per sperimentare con brani miei o commissionati da altri...
E in questo caso mi son ritrovato con una traccia strumentale che non aveva liriche.
Perché, scriverne una nuova, quando tante altre sono in una cartella che aspettano di essere cantate?
Spirito di adattamento e... et voilà ladies and gentlemen: Black, Blue, Red featuring Garduz (Luca Gardini) al sax
tenore.
Nu-jazz, chillhouse, Soulful House, Pop-Glamour... scegliete voi il sapore di questo brano!
...
B-side di questo singolo, al contrario, è la cover di un brano di Sting dall'album "Nothing Like The Sun", che
sebbene fosse stato un singolo, nessuno sembra ricordarselo, forse adombrato da Fragile ed Englishman In New
York.
Stiamo parlando della stupenda "Be Still My Beating Heart".
L'arrangiamento me l'ha suggerito la sigla della serie "I Soprano" degli Alabama 3, ma non perché sia un fan della
serie, bensì perché la sentii durante un episodio dei Simpson.
Il featuring è affidato ad Andy G, e non farà parte di "23:32".

Su iTunes, Bandcamp, Spotify e tutte le piattaforme digitali da lunedì 16 Maggio 2016

Perhaps the times need time to mature, and perhaps I have my times.
For the first time I'm going to release as a single - the second one, before "23:32" release - one of my tunes.
Over the years I have written many lyrics to experiment with my music or commissioned by others ...
And in this case I found myself with an instrumental track that had no lyrics.
Why write a new one, when so many others are in a folder waiting to be sung?
Adaptability and ... et voila ladies and gentlemen: Black, Blue, Red feat. Garduz (Luca Gardini) on tenor sax.
Nu-jazz, ChillHouse, Soulful House, Pop-Glamor ... you choose the flavor of this song!
...
B-side of this single, on the contrary, is the cover of a song from the Sting album "Nothing Like The Sun", that
although it was a single, no one seems to remember, perhaps overshadowed by Fragile and Englishman In New
York.
We are talking about the wonderful "Be Still My Beating Heart".
The arrangement gave it to me suggested by the theme song of the series "The Sopranos" by Alabama 3, but not
because I am a fan of the series, but because I heard it during an episode of The Simpsons.
The featuring is taken by Andy G, and will not be part of "23:32".

On iTunes, Bandcamp, Spotify and every digital store from Monday 16, May 2016

Didascalis - Surrender (feat. Frensy, Andy G & Henrique PiraƬ) - OFFICIAL Lyrics Video

 

 

Didascalis - Surrender (feat. Frensy, Andy G & Henrique Piraì) - OFFICIAL Lyrics Video

https://itunes.apple.com/…/al…/surrender-single/id1104453786

http://didascalis.bandcamp.com/alb…/surrender-digital-single

EXCLUSIVE TRACKS on PAPEETE COMPILATION

 

English below

Non succede nulla per tanto tempo, poi tutt'ad un tratto... BOOM!

Non solo il 25 aprile verrà pubblicato "Surrender" su iTunes, primo singolo del prossimo mio album, il sesto per l'esattezza, MA oggi esce su iTunes, e tutti gli altri download store, e credo anche in CD doppio, per SONY Music Entertainment, la "Papeete Café - Cocktail & Sunset Relais - Saudade": 36 brani tra cui, Santana, Jamiroquai, Pharrel Williams, John Mayer, Shakira, Earth Wind & Fire e molti altri tra cui Didascalis con due brani esclusivi per questa release, ovvero le covers di "Through The Barricades" degli Spandau Ballet e di "Personal Jesus" dei Depeche Mode featuring Andy G.
Probabilmente le includerò in un futuro 'best of' ma per il momento le potete acquistare in CD o iTunes, ed ascoltare sulla pagina mia pagina Soundcloud...

Un ringraziamento particolare a Robert-Eno dei Relight Orchestra, per la scelta dei brani che ha voluto interpretassi, e l'opportunità di far parte di una tracklist a 5 stelle!

Fantastico!

D



Nothing happens for ages, then all in a sudden... BOOM!

Not only on April 25 "Surrender" will be released on iTunes, first single from my forthcoming album, the sixth to be exact, BUT today it's out on iTunes, and all major download store, and I assume also on double CD, for SOMY Music Entertainment, the "Papeete Café - Cocktail & Sunset Relais - Saudade": 36 tracks including Santana, Jamiroquai, Pharrel Williams, John Mayer, Shakira, Earth Wind & Fire and many more one of wich is Didascalis, with two exclusive tracks for this release, that is to say the covers of "Through The Barricades" and "Personal Jesus" featuring Andy G, originally performed respectively from Spandau Ballet and Depeche Mode.
Probably I will include them for a further 'best of', but for now you can purchase them on CD or iTunes, and listen via my Soundcloud page...

A special thanks to Robert-Eno of Relight Orchestra, for choosing these tracks he wanted me to perform, and the chance to be part of a 5stars tracklist!

Awesome!

D

 

 

SURRENDER digital single

 

English version below

Confesso di essere davvero emozionato ed eletrizzato nel fare questo annuncio:

Il 25 Aprile 2016, uscirà "Surrender", il primo singolo dal mio prossimo album dal titolo "23:32".

"Surrender" è la cover del celeberrimo brano degli Swing Out Sister, singolo del loro album d'esordio; un brano che ho sempre amato, così bello nella sua versione originale, ed ancor di più nell'extended mix, che ho voluto stravolgerlo e portarlo totalmente in un'altra direzione.

L'arrangiamento è impreziosito da amici che hanno già partecipato alle mie produzione e non:
Frensy, ovvero Francesca Castorri, già in "Enjoy The Silence", "Quietly" etc., backing vocals
Andy G, ovvero Andrea Guerrini, ma ormai non ha più bisogno di presentazioni: sezione fiati e flicorno
Henrique Piraì, anch'egli musicista e produttore, direttamente dal Brasile con un cameo di flauto traverso

Il sapore è nu-jazz o chiamatelo come vi pare...

Affezionato ai vecchi 45 giri, il singolo digitale comprende 2 brani, che non saranno inclusi nell'album (le cosidette "b-side"):

"So Simple" è un brano che composi nel 2007, senza una sua vera e proprià identità; la magia del reinventare lo ha reso un brano contemporaneo, collocabile nel mio sound/repertorio e finalmente verrà pubblicato.

"23:32" invece è un gioco che ho voluto fare: un brano che porta il titolo dell'album ma che non ne fa parte, ed è una breve rielaborazione di un brano che invece è incluso nell'album con un titolo diverso...
Ascoltando l'assolo finale di Andy, spogliato dell'arrangiamento in "Radio Signals", sentivo qualcosa di speciale, che mi ricordava un paesaggio notturno in quel di Manhattan, con le luci sfocate; tolto qualcosa, aggiunto qualcos'altro e... spero di aver reso 'musicalmente' l'idea delle immagini che i suoni mi suscitavano...

...e questo è quanto!

D


I confess I'm really excited and thrilled making this announce:

on April 25, 2016, "Surrender" will be released, first single taken from my forthcoming album entitled "23:32".

"Surrender" is a cover of the very famous Swing Out Sister single from their debut album; a number I've always loved, so perfect in its own original version, and even more the extended mix, that made me twist it and take it in a totally different direction.

The arrangment is enriched by friends who already took part to my previous productions and who didn't:
Frensy aka Francesca Castorri, already in "Enjoy The Silence", "Quietly" etc., backing vocals
Andy G, aka Andrea Guerrini, who by now don't need any introduction: brass section & flugelhorn
Henrique Piraì, musician and producer too, all the way from Brazil with a cameo on traverso flute

Flavour is nu-jazz, or call it as you prefer...

Fond of the old 45s, this digital single includes 2 non-album tracks (so-called "b-sides"):

"So Simple" is a song I wrote in 2007, lacking of a own identity; the magic of reinvent made it a cutting edge track, suitable to my sound/repertoire and finally it will be released.

"23:32" is a game I wished to play: a track of the album same name but that's not part of it, and it's a brief re-work of an album track differently titled....
Listening to the final Andy solo, stripped down of the arrangment in "Radio Signals", I felt something special, reminding me a night landscape in Manhattan, with blurred lights; removed something, added something else and... I hope I made the idea "musically speaking" of the images that sounds evocated in me...

...and that's all folks!

D

 

LAST CHRISTMAS: video & links

 

 

For FLAC or mp3 320 

https://didascalis.bandcamp.com/album/last-christmas-e-p

For iTunes users

https://itunes.apple.com/it/album/last-christmas-single/id1060120131

...and: MERRY CHRISTMAS!!! :-)

 

"Last Christmas" digital single out December 4

 

WHEN? 
- December 4, 2015

WHERE? 
- iTunes, Didascalis Official Bandcamp, probably, or better surely Spotify, Deezer and all those kind of digital music portals...

TRACKS?
- Last Christmas (Wham! cover)
- Have Yourself A Merry Little Christmas (feat. Andy G & Garduz)

WILL THERE BE ANY VIDEOS?
- Surely an official one for Last Christmas, hopefully also for HYAMLC :-)

ELSE?
- well... if you buy it, you are going to support the artist! ;-)
aaaaaand, you will surely appreciate the art and the way Didascalis, along with great music fellows Andy G & Garduz put in these performances... ;-)

 

Didascalis - 4 Chords (Remastered 2015)

 

I've always loved this track from my first release...

GOOD VIBES RESORT

LINKS

 

 

 

OFFICIAL FACEBOOK PAGE

Listen on Spotify to the new album